Salta al contenuto
aumenta   diminuisci

La Vaccinazione Antinfluenzale per gli over 65

 

 

Campagna Antinfluenzale - Stagione 2018-2019

 

 

Guarda il Video

 

 

Il 5 novembre è partita la campagna di vaccinazione antinfluenzale presso gli studi dei Medici di Medicina Generale che hanno aderito all'iniziativa e presso i Distretti Sanitari dell'ASL Napoli 1 Centro.

 

L'influenza è una malattia respiratoria provocata da virus del genere Orthomixovirus, che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni). È altamente contagiosa perché si trasmette facilmente attraverso goccioline di muco e di saliva, con tosse e starnuti, ma anche semplicemente parlando vicino a un'altra persona, o per via indiretta, attraverso il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie.

La patologia si presenta con epidemie annuali durante la stagione invernale. I sintomi più comuni dell'influenza sono la febbre alta, sopra i 38 gradi, che arriva all'improvviso, i dolori muscolari-articolari e i sintomi respiratori come tosse, congestione nasale e mal di gola.

I virus influenzali hanno una marcata tendenza a variare, cioè ad acquisire cambiamenti che permettono loro di aggirare le difese immunitarie della popolazione; ciò spiega perchè la vaccinazione va ripetuta ogni anno.

 

La vaccinazione antinfluenzale è offerta attivamente e gratuitamente agli ultrasessantacinquenni e ai soggetti di tutte le età che, per le loro condizioni personali, corrono maggiori rischi di andare incontro a complicazioni in caso di influenza.  Di seguito si elencano le categorie a rischio per le quali è raccomandata la vaccinazione.

 

  • Soggetti di età pari o >65 anni
  • Donne in gravidanza (che si trovano al secondo e terzo mese all'inizio della stagione influenzale)
  • Bambini e soggetti di tutte le età che soffrono delle seguenti patologie:
  • Malattie croniche dell'apparato respiratorio
  • Patologie dell'apparato cardio-circolatorio
  • Diabete mellito e altre patologie dismetaboliche
  • Insufficienza renale/surrenale cronica
  • Malattie organi emopoietici ed emoglobinopatie
  • Malattie congenite e acquisite che determinano carenze di anticorpi
  • Malattie infiammatorie croniche  dell'intestino e sindromi da malassorbimento
  • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
  • Epatopatie croniche
  • Soggetti ricoverati presso strutture lungodegenti
  • Donatori di sangue

 

La vaccinazione è raccomandata anche per chi svolge lavori che potrebbero essere veicoli di trasmissione a soggetti ad alto rischio. Tra queste categorie si annoverano i medici, il personale sanitario di assistenza, le forze di polizia, i vigili del fuoco, i veterinari, i macellatori.

 

La protezione indotta dal vaccino comincia due settimane dopo l'inoculazione e perdura per un periodo di sei-otto mesi.

 

Oltre alla vaccinazione, che costituisce un fondamentale strumento di prevenzione dell'influenza e delle sue complicanze, la trasmissione dei virus influenzali può essere contenuta adottando delle semplici misure comportamentali:

 

  • Lavaggio frequente delle mani
  • Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, usare fazzoletti monouso e lavarsi le mani)
  • Isolamento volontario a casa in caso di malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale

 

 

In allegato i Centri Vaccinali della ASL Napoli 1 Centro

 

 

 

pubblicato il 12-11-2018

aggiornato il 20-11-2018

Visualizza o Scarica Allegati:



Contatore visite gratuito